domenica 1 novembre 2015

Chiara Chizzini Photography: l’occhio della fotografa si evolve viaggiando


di Tiziana Viganò

Quando la febbre del viaggio ti brucia non puoi che fare una valigia in fretta e andartene via.

Come per chi è affetto da una dipendenza, ma che bella dipendenza!, ti spinge a muoverti per vedere annusare ascoltare, sentire con la pelle con la pancia con la testa, con tutto te stesso.
Ci sono mille modi di viaggiare ma ogni persona ha il suo: Chiara Chizzini deve mescolarsi con la realtà del mondo, avida di assorbire tutto quello che può. E poi
fotografa. 
Alcuni pongono tra sé e il viaggio l’obbiettivo elettronico come una barriera che li separa dal reale incognito, documentano, scattano mille e mille fotografie  e non vedono altro. Per Chiara non è così.La fotografia è qualcosa che viene spontaneo per fissare l’attimo, un modo per conoscere la realtà attraverso gesti sguardi colori movimenti palpiti, insiemi o dettagli. Si percepisce il suo coinvolgimento, non è solo il suo occhio che vede attraverso la lente, perché tutto il suo corpo e i suoi sensi partecipano a quel  momento.



Non sono scatti freddi, sono scatti molto emotivi, che però coniugano il cuore con la mente. Ha il gusto per la composizione insolita, per il taglio obliquo, per specchi riflessi giochi di luce, per le forti sfocature che mettono in risalto il soggetto, per l’uso dell’obbiettivo che deforma mettendo un tocco di irreale nella realtà; tra chiaroscuri e pennellate di colore non manca il gusto per il bianco e nero, per luci e ombre che danno profondità o drammaticità alle scene.














I ritratti sono il focus dominante: un vero virtuosismo coniuga l’abilità tecnica alla scelta del momento giusto, all’empatia con il suo soggetto che le dà la capacità di cogliere l’espressione autentica, la spontaneità, l’emozione, la personalità di tanti personaggi insoliti che incontra per il mondo.Come i pittori di tempi passati, ma con la velocità e la precisione degli strumenti tecnologici.
 Davvero notevoli le immagini di movimento: la musica diventa un suono udibile, le movenze fissate dal click attimi di una danza vitalistica, l’energia dello sport si cristallizza, ma rimane il dinamismo e la forza.
 Figure umane di tutto il mondo, pittoresche e colorate, nel folclore dei costumi e delle azioni percorrono le sue strade: ma anche nei più classici matrimoni vengono colti particolari divertenti e romantici che
 fanno emergere prospettive diverse nell’ambito della cerimonia tradizionale.

Anche le geometrie audaci delle architetture metropolitane, lo squallore dei luoghi dimenticati e fatiscenti,
il colore sfacciato dei talking walls, le linee discrete dei monumenti antichi, colti sempre in angolature insolite, parlano di un punto di vista dove il volo di fantasia si coniuga con l’originalità del pensiero e il solido ancorarsi nella realtà.
Migliaia e migliaia di fotografie, tutte bellissime: l’occhio della fotografa si evolve viaggiando.

http://chiarachizzini.wix.com/chiaraphotography                                                                                                                                                  Facebook: Chiara Chizzini Photography
                                                                                        Instagram: chiarachizziniphotography



  



















Nessun commento:

Posta un commento